Gargano: tutti gli Itinerari ed Eventi culturali del Parco Nazionale del Gargano
Garganonews.it Portale d'informazione turistica e di costume
22/08/2019

Login
Sondaggi
Qual è secondo voi l'aspetto turistico più rilevante del Gargano?

il mare e la natura
i luoghi religiosi
i piccoli centri


Alla scoperta dell'anguilla di Lesina

Apprezzata sin dai tempi di Federico II
articolo di Enza Moscaritolo


Gargano in tavola 24/11/2007 21:50
Il piatto tipico di Lesina - non è difficile da immaginare - è la minestra di anguilla. La sua origine è intimamente legata alla storia durissima dei pescatori che vivevano per mesi in capanne di canne costruite sulla laguna, mangiando quel che offriva la natura circostante, ovvero anguille (presidio Slow Food) e verdure selvatiche. Un tempo la pesca, non solo delle anguille, era l’attività economica principale della zona. La leggenda narra che l’imperatore Federico II di Svevia, puer Apuliae, fosse ghiotto di questo pesce dalla pelle molto spessa e che può raggiungere fino a tre chilogrammi di peso.

La laguna di Lesina offre un paesaggio davvero unico e affascinante, in un’area di oltre 1000 ettari, separata dal mare da una striscia di terra lunga 20 chilometri. La minestra d’anguilla è una pietanza, poco nota, eppure molto apprezzata dai buongustai, ed è giunta ai giorni nostri, grazie ad una lenta opera di riscoperta di antiche specialità e ricette tradizionali locali. Un’azione portata avanti caparbiamente da alcuni operatori turistici locali, e adesso anche dall’amministrazione comunale che ha dato vita alla “Sagra della Laguna” in d uilla è unaalla pelle molto spessa e che può raggiungere fino a tre chilogrammi di peso. questo ultimo fine settimana di novembre.

Innanzitutto occorre pulire, sviscerare e tagliare a pezzi le anguille. Poi bisogna preparare una salsa di pomodoro fresco, cuocerla, aggiustando di sale e peperoncino: in un secondo momento, aggiungere le anguille e far insaporire abbondantemente. A parte, invece, scottare la verdura, scolarla bene e versarla nella casseruola con il sugo e le anguille. Portare a termine la cottura e successivamente impiattare con fette di pane.

Questo articolo è stato letto 10256 volte.
Commenti (0) | Sono d'accordo
Leggi gli altri articoli dello stesso autore

Home | Contatti | Attualità | Turismo | Gastronomia | Eventi | Cultura | Turismo Italia | Video | Tg Gargano | Hotel Gargano

Garganonews.it - Tutti i diritti riservati