Gargano: tutti gli Itinerari ed Eventi culturali del Parco Nazionale del Gargano
Garganonews.it Portale d'informazione turistica e di costume
20/10/2019

Login
Sondaggi
Qual è secondo voi l'aspetto turistico più rilevante del Gargano?

il mare e la natura
i luoghi religiosi
i piccoli centri


La mia vacanza di ferragosto

Dal Gargano ai Monti Dauni il passo è breve e intenso
articolo di Gaetano Berthoud


Turismo Italia 30/09/2008 15:56
Era dal dopo ferragosto che pensavo di raccontare le mie vacanze. Da quando sono rientrato spesso mi veniva in mente di scrivere e parlare di questo viaggio, un viaggio di quelli che piacciono a me, organizzati solo ed esclusivamente partendo da un alloggio, dopodichè lasciarmi prendere dalle sensazioni e itinerari un pò avventurosi, ma mai rischiosi.

La spinta definitiva mi è stata data da alcune discussioni di attualità in questi giorni, cioè l'area della Capitanata che non tutti conoscono e non hanno avuto il piacere di apprezzare: i Monti Dauni.

Del resto per un garganico come me non c'è stata indecisione, sono così legato al mio territorio che, al contrario, non apprezzando molto i giorni di maggior confusione nel Gargano, ho deciso, con moglie e figli al seguito, di approfondire la conoscenza dei Monti Dauni, un territorio dai mille problemi ma anche dai mille panorami, un paesaggio dalle mille controversie, ma anche dai mille insegnamenti storici.

Il risultato è stato sensazionale e soprattutto originale, ricordo le telefonate di ferragosto dove i miei interlocutori sentendomi in vacanza mi chiedevano se ero in Sardegna oppure in Salento, magari all'estero, invece niente di tutto questo; ero nel Subappennino Dauno, a poco più di un ora da casa, ma anche lontano e affascinato da quel territorio tutto da scoprire.

Ricordo appunto i miei amici al telefono, "Subappennino?! Dove sei in Toscana...?, no non sono in Toscana..., Umbria?!, no sono nella provincia di Foggia!". Ricordo anche che al mio rientro, mostrandogli le immagini scattate mi sono "vendicato" anche di quella loro risatina sotto i baffi... "Subappennino?! Dov'è?!", anche perchè attraverso le immagini tutto è stato più chiaro, naturalmente per loro!

Ecco quindi che dal nostro meraviglioso agriturismo, scelto come punto di riferimento per il vitto, ogni giorno all'avventura per quei favolosi paesi, paesaggi e culture; Sant'Agata di Puglia, Bovino, Deliceto, Orsara, Troia, Faeto, Rocchetta (qui vissero i miei nonni per un periodo del dopoguerra), Candela. E poi il grano, i girasoli, le dune tipiche del Subappennino, i personaggi delle campagne Daune. Con le mie due bimbe e mia moglie di colpo ci sembrava di essere nel film di Benigni e Trosi "Non ci resta che piangere", sembrava di ritrovarci in un'altra epoca, in un'altra storia, in un'altra tradizione.

Eppure erano i giorni di ferragosto, le spiagge del Gargano erano affollate, noi invece eravamo lì in un deserto, ma ricco di sensazioni, di profumi, vivi e liberi più che mai. E poi devo ricordare anche un vero amico che ho conosciuto meglio in questo viaggio, un amico fedele, corretto, che non riserva sorprese e che ci ha accompagnato personalmente in tutti quei luoghi con sagre, feste e degustazioni, questo amico si chiama Viveur Speciale estate.

Grazie a lui tutto è stato più semplice, dove andiamo oggi? bene chiediamo a Viveur.

Ora parliamo d'altro. Cosa possiamo fare perchè il Subappennino possa trovare una risposta alle tante domande che in questi giorni riempiono il dibattito su quale indirizzo dare a questo territorio?!

Bene, io un'idea ce l'avrei, anche se piccola, anche se può essere solo l'inizio di un processo, anche se non basta solo questo per risolvere tutti i problemi, ma intanto potrebbe essere un punto di partenza.

La mia idea è che dovrebbe essere compito, dovere, impegno del Gargano avviare i Monti Dauni verso un percorso turistico, credo che il Gargano, con tutte le strutture ricettive potrebbe e dovrebbe spingere all'unisono questo meraviglioso territorio, proponendo ai tanti ospiti itinerari alternativi alle solite grotte di Castellana, a Fasano, a Castel del Monte, a Pompei.

Mi riprometto di parlarne personalmente con Nicola Vascello, perchè credo che se tutte le strutture del Gargano venissero correlate con una bacheca sugli itinerari dove puntualmente sono riportate località da raggiungere, escursioni da fare, luoghi precisi da visitare, ecco cercare di mostrare le mete dei Monti Dauni un pò meno incasinate di quanto territorialmente lo siano, allora secondo me si può fare, anche perchè il Subappennino è meglio conoscerlo "on the road", magari con una buona guida cartacea, piuttosto che pensare di organizzare autobus o pulmini.

Aggiungo che già sono state avviate delle iniziative in questo senso con "Città aperte", ma occorre credo intensificare questa conoscenza, quindi spingere gli operatori a proporre queste mete, e magari consigliare prima a loro di conoscerle.

Chissà che così riusciremo davvero a far nascere il grande ponte Gargano-Monti Dauni.

Chiuso questo argomento, concludo su ciò che mi ha impressionato di più nel nostro viaggio (a parte il cibo che è eccezionale), e cioè la quantità degli eventi organizzati a Sant'Agata di Puglia. Per non essere preso per pazzo, qui di seguito troverete la locandina originale degli eventi di questa gloriosa località, intanto vi riassumo alcune serate; 14 agosto - Michele Placido nelle vesti di Agatone con corteo storico partendo dal Castello, 16 agosto Pupo in concerto, 17 agosto Jenny B. in concerto, 19 Agosto Ron in concerto, 20 agosto Neri per Caso e Zero Assoluto in concerto, 21 agosto Le Vibrazioni in concerto, 23 agosto Bennato in concerto. Aldilà dei gusti musicali, credo che tutto il Gargano messo insieme non abbia prodotto un cartellone così ricco, a parte chiaramente gli eventi del Five Festival Sud System.

Di questa vacanza ricorderò anche ciò che mi ha detto mia figlia l'ultimo giorno: "Papà torniamo anche l'anno prossimo?" 

Considerando che siamo stati la settimana di Ferragosto a 33 euro in mezza pensione in un agriturismo favoloso e che nel Gargano ancora non ho trovato uno di pari livello, la risposta mi sembrava scontata... "Certo Iris che torneremo".

Locandina eventi Sant'Agata di Puglia

Questo articolo è stato letto 7744 volte.
Commenti (0) | Sono d'accordo
Leggi gli altri articoli dello stesso autore

Home | Contatti | Attualità | Turismo | Gastronomia | Eventi | Cultura | Turismo Italia | Video | Tg Gargano | Hotel Gargano

Garganonews.it - Tutti i diritti riservati