Gargano: tutti gli Itinerari ed Eventi culturali del Parco Nazionale del Gargano
Garganonews.it Portale d'informazione turistica e di costume
09/12/2019

Login
Sondaggi
Qual è secondo voi l'aspetto turistico più rilevante del Gargano?

il mare e la natura
i luoghi religiosi
i piccoli centri


Il valore della prevenzione

Italia Nostra, Legambiente, LIPU, WWF nel Comitato del Gargano
articolo di Carlo Fierro (wwf Foggia)


Attualità  09/07/2008 17:07
Italia Nostra sezione Gargano e Legambiente, LIPU e WWF sezione di Foggia, riunite con singoli cittadini nel Comitato del Gargano per il risanamento e la prevenzione delle aree boschive incendiate, hanno presentato una circostanziata istanza ai Comuni del Parco, al Presidente della Regione Puglia e alla Prefettura di Foggia.

Il fine è quello di conseguire l’adozione del catasto delle aree incendiate, così come previsto dalla Legge 353/2000, che rappresenta un fondamentale strumento di prevenzione degli incendi boschivi, tenuto che la speculazione edilizia e gli interventi di sfruttamento del territorio dopo l'incendio (es. pascolo) costituiscono una delle ipotesi fondamentali riguardo alle cause dei roghi. La Legge non consente costruzioni o destinazioni diverse da quelle in atto prima dell'incendio. Se però non esistono le mappe dei terreni percorsi dal fuoco sarà poi impossibile controllare che realmente su questi territori, ad esempio, non si edifichi. Si tratta dunque di un adempimento essenziale per evitare fin da ora il fuoco futuro, neutralizzando una delle cause più probabili.

La coordinatrice del Comitato Avv. Donatella Frisullo ha evidenziato nell’Istanza d’accesso ad informazione ambientale che, in termini di legge, in caso d’inerzia dei Comuni a censire i soprassuoli percorsi dal fuoco, spetta al Prefetto o al Presidente della Regione, la funzione di diffidarli o, in caso di successiva inattività, di sostituirsi ad essi avvalendosi dei rilievi effettuati dal Corpo Forestale dello Stato.

La legge prevede anche l’obbligo da parte dei Comuni di predisporre un piano comunale d’emergenza per incendi, nonché il dovere della Prefettura (U. T. G. - Ufficio Territoriale del Governo) di sostituirsi per il caso di loro inerzia. È previsto anche che l’informazione ambientale debba essere fornita anche tramite pubblicazione su siti internet dei comuni. In particolare, quattro sono le richieste di Italia Nostra, Legambiente, LIPU e WWF riunite nel Comitato del Gargano per il risanamento e la prevenzione delle aree boschive incendiate.

Ai Comuni del Parco la comunicazione dell’adozione del catasto delle aree incendiate. Alla Prefettura di Foggia o al Presidente della Regione Puglia, qualora tale adozione non sia stata ancora effettuata, la comunicazione delle misure assunte ai fini di ottenere il provvedimento comunale di accatastamento. Ai Comuni si chiede anche la pubblicazione sul sito internet relativo al territorio di competenza del catasto aggiornato delle aree incendiate nonché la comunicazione dell’adozione del piano comunale di emergenza per incendi.

L’istanza del Comitato evidenzia anche che il dovere d’informazione ambientale, l’obbligo di certificazione delle informazioni sulle aree incendiate e quello di adozione del relativo catasto, l’obbligo di predisporre piani comunali di emergenza per incendi, qualora inottemperati, costituiscono reato di omissione d’atti d’ufficio, riscontrabile anche in considerazione della facilità d’accesso alle informazioni sulle aree incendiate tramite il sistema informatico del Corpo Forestale dello Stato. In particolare, la responsabilità per l’omessa adozione del catasto ricade direttamente sui funzionari dirigenti degli uffici urbanistici comunali.

Questo articolo è stato letto 10595 volte.
Commenti (0) | Sono d'accordo
Leggi gli altri articoli dello stesso autore

Home | Contatti | Attualità | Turismo | Gastronomia | Eventi | Cultura | Turismo Italia | Video | Tg Gargano | Hotel Gargano

Garganonews.it - Tutti i diritti riservati